Er sagrifizio d'Isacco

Dai sonetti tratti da "Le poesie di Neri Tanfucuio. Cento sonetti in vernacolo pisano"

ONNIPOTENTE - Abramoo. ABRAMO - Mi 'omanda, Onnipotente?
ONNIPOTENTE - Se domattina 'r tempo si rifà,
Piglia Isacco e una sciabola tagliente....
ABRAMO - Ho bell'e'nteso, me lo fa ammazza'!

ONNIPOTENTE - Ci hai dato drento!
ABRAMO - Scusi.... nun per niente....
Ma creda, mi rincresce 'n verità....
Lei vòr vede' 'r su' servo s'� ubbidiente,
O cos'occorre? o tanto o che 'un lo sa?

A quella rispostaccia 'r Principale,
Dice, 'ni rivogò 'n tar pedatone
Da lassannici drento lo stibale.

E allora Abramo, 'ntesa la ragione,
Se n'andò via 'n tralice dar gran male
A da' di rota ar vecchio sciabolone.

Firenze, 1878

I numeri di Premio Renato Fucini:

Hanno visitato Premio Renato Fucini utenti.