La tamerice è a du' passi dar mare,
il libeccio la vòle troncare, lei tutta piegata in avanti.
Il libeccio da sempre la scòte e la 'mpregna di sale
lei fa da cornice a' pensieri di pochi passanti.
Sur muro di 'asa 'na foto 'ngiallita
mi dice der vecchio lavoro di nonno
È sur muro attaccata da più d'una vita.
Sur Pontino 'na voce sguaiata riecheggia nell'aria:
“Boia de'!” M'hanno rovinato, loro!”
Mi pare, sapete, lo sfogo sguaiato d'un 'omo che dice quarcosa di vago
di vando c'era in giro un po' di lavoro.
E te, Livorno, ti ri'ordi ir mi' nonno 'n bottega a vende' stoffe e bottoni?
Ti rammenti le donne ar mercato, i cestai e le trottole da' mille colori?
Stasera sur porto sentivo 'anzoni stonate di tre pescatori.
Ubriachi di vino eran lì a consolassi d'un amaro bottino.
La mi' bella città barcolla e svarvola di testa,
lo vedrebbe anche un bimbo piccino.
Ma la Livorno più bella ner cuore è rimasta
con la voce di quer disgraziato a ragiona' sur Pontino
I numeri di Premio Renato Fucini:

Hanno visitato Premio Renato Fucini utenti.