Da tute mi son tanto atirado,
qualcuna de bela la gho trovada,
de tante son’ncora afascinado,
ma sol ela del me cor s’ha apropiada.

Certe iè stàde una gran ciavada,
con qualcuna gho solo ben zugado,
qualcun'altra l’ho sol desiderada,
ma sol de ela mi son inamorado.

Beghina, con tanta religiosità,
stizinosa, ma de cor tanto bona,
laboriosa, con gran generosità.

Me, vetustà signora e parona,
non ne separerà la mortalità,
amada urbe nativa, Verona.
I numeri di Premio Renato Fucini:

Hanno visitato Premio Renato Fucini utenti.