Mò che fai, te metti a fa’ la stronza?
Sta’ bona, fermate, nun fa’ la casta,
de gioca’ ar rialzo n’ho abbastanza,
ho pagato, ce devi sta’, e basta!

Co’ du’ salti nun sciogli la questione,
l’abito lo rifaccio, stanne certa,
più provocante, come se conviene
a te,‘na puttana tanto esperta.  

Caro ometto mio, e datte ‘na calmata!
È proprio ora che la fai finita;
nun me piace de esse’ ricattata.

La colpa nun è mia se m’hai tradita,
tu te fai ricco, io so’ maltrattata.
So’ nata nuda io, mica vestita!

Te brucia la ferita?
Impara a nun fa sempre er fesso,
da domani chiedime er permesso.
I numeri di Premio Renato Fucini:

Hanno visitato Premio Renato Fucini utenti.