Dormirai rannicchiata nel silenzio della notte,
respirando il sapore del buio intorno a te.
Sognerai dolci dimore e terre verdeggianti
pettinate dalla musica del vento notturno.
Sentirai la pioggia sottile dell'aurora
bagnarti occhi, bocca e volto senza raggiungere
il tuo cuore stanco.

E poi, riposerai ancora un pò,
per rinforzare la speranza e uccidere
la paura di un nuovo incognito giorno.

Ecco.
La notte è ormai un ricordo.
I raggi del sole inebriano il prato
ancora umido di rugiada,
riscaldano gli alberi infreddoliti lungo la strada,
portando dolcemente il profumo del gelsomino
nella finestra di casa tua.
I numeri di Premio Renato Fucini:

Hanno visitato Premio Renato Fucini utenti.