Mamma mia quanto feriscono le parole. Tajano come lame e vanno a lede l'organi vitali, più in profondità de n'cortello affilato. Capita! Capita spesso de parlà n'preda alla rabbia, d'istinto, de parlà a sproposito e pentisse n'secondo dopo. N'particolare c'ho n'ricordo de tant'anni fa.
E ancora me ne pento. Ancora me brucia quer pentimento immediato ma comunque tardivo.
Ho offeso, ho ferito. Llo faccio ancora quarche vorta. So "brava" co lle parole, veloce nelle reazioni, dura nelle risposte. Poi me pento!Me pento e m' arabbio co me stessa, ma difficirmente lo riconosco.Quindi, er proposito mio da oggi e pe sempre: sarò meno istintiva, più riflessiva ner risponne alle provocazioni,più attenta, più ragionevole, più paziente e tollerante.Voi, però, voi che me conoscete e me amate nonostante tutto, stateme vicini, nun obbligateme a fa ricorso ar
caratteraccio mio, a sta linguaccia che va ortre, prima de confrontasse cor cervello.Io vedo nero, ce lo sapete. Però posso migliorà. Sarò prudente ner dà giudizi e dorce ner contestà. Cambierò pe amore e pe dimostrà a me stessa che nun semo mai troppo grandi per cresce. E migliorà.
E, pe comincià, chiedo scusa all' amore mio pe quella brutta, bruttissima reazione de quarche tempo fa. E pe tutte quelle che so venute dopo. Perdoname..... nun pensavo a quello che ho detto! E voi che sete più riflessivi de me spiegateme come se fa!
I numeri di Premio Renato Fucini:

Hanno visitato Premio Renato Fucini utenti.